ROMA

Non trovate il prodotto a voi adatto? O avete delle domande?


Siamo lieti di aiutarvi! Il nostro team di esperti sarà lieto di assistervi nella scelta dei vostri prodotti! Basta telefonarci o contattarci tramite e-mail.

Desideri e suggerimenti

Avete desideri o suggerimenti? Saremo lieti di riceverli tramite e-mail.

Tel: 040 9673073
E-Mail: info@pianetachef.com

Spedizione Gratuita sopra i 199 €

Consegna da 3 a 15 giorni

FORNO A LEGNA ROTANTE - CAPACITA' 10/12 PIZZE - DIMENSIONI CM L 215 X P 180 X H 190 - CAVALLETTO INCLUSO - PIANO ROTANTE MONOBLOCCO VOLTO A CUPOLA - DIAMETRO 130 CM - SPESSORE 7 CM - CARENATURA ESTERNA IN LAMIERA PREVERNICIATA ROSSA

Nuovo

11 790,00 € (14 383,80 € Iva. Incl.)

PVS TWISTER LEGNA

I nostri consigli
FAQ

Stampa
Invia ad un amico

Invia ad un amico

FORNO A LEGNA ROTANTE - CAPACITA' 10/12 PIZZE - DIMENSIONI CM L 215 X P 180 X H 190 - CAVALLETTO INCLUSO - PIANO ROTANTE MONOBLOCCO VOLTO A CUPOLA - DIAMETRO 130 CM - SPESSORE 7 CM - CARENATURA ESTERNA IN LAMIERA PREVERNICIATA ROSSA

FORNO A LEGNA ROTANTE - CAPACITA' 10/12 PIZZE - DIMENSIONI CM L 215 X P 180 X H 190 - CAVALLETTO INCLUSO - PIANO ROTANTE MONOBLOCCO VOLTO A CUPOLA - DIAMETRO 130 CM - SPESSORE 7 CM - CARENATURA ESTERNA IN LAMIERA PREVERNICIATA ROSSA

Destinatario :

* Campi richiesti

  o  Annulla

  • Add to catalog

  • Guida all'acquisto

  • X
    Ti Chiamiamo Noi !!!
    Nominativo
    Email
    Telefono
    Quanto fa
    +
    ?
    Lascia i tuoi dettagli di contatto e un nostro operatore la contatterà il prima possibile.
    • FORNO ROTANTE A LEGNA

      Forno rotante a legna. Piano di cottura diametro cm 130 monoblocco rotante, funzionamento a legna, predisposizione per il bruciatore di gas, bocca singola, legnaia e scarico cenere a sinistra a destra o frontale, distribuzione del calore omogenea, potenzialità produttiva che può superare le 160 pizze / ora e le 400 pizze cotte consecutivamente (dati rilevati in pizzeria). Ottimo per grandi locali o per pizzerie con lavoro concentrato in poche ore, con l’esigenza di mantenere la tradizionalità della cottura a legna e la volontà di dare alla propria clientela un prodotto sempre perfetto, risparmiando tempo e fatica.  Sono rigorosamente progettati e prodotti in Italia e sono certificati CE.  sono montati e funzionanti in 24 ore, quindi possono essere installati nel giorno di chiusura. Il forno è operativo in soli 15-20 minuti, poiché grazie allo speciale isolamento mantiene quasi inalterata la temperatura della sera precedente. Il perfetto isolamento consente inoltre di mantenere costante la temperatura d'esercizio ottimale, con un conseguente significativo risparmio energetico. Esternamente la temperatura del forno è uguale a quella dell'ambiente: il forno può quindi essere rivestito con una parete in cartongesso che consente di armonizzarne l'estetica con l'arredo del locale.

      QUADRO SPECIAL

      Acceso/spento. regolazione della velocità tramite potenziometro. Inversione del senso di rotazione . ciclo di cottura temporizzato con avvisatore acustico e rallentamento automatico. rilevamento elettronico della temperatura. 



      Consigli

      Se si ha intenzione di preparare pizze, sarà necessario acquistare un forno per pizze: ne esistono di molti tipi, venendo incontro alle esigenze di tutti.

      Quale forno usare in pizzeria?

      Per poter rispondere a questa domanda dobbiamo analizzare nel dettaglio i vari tipi di forno che ci sono.

      FORNI ELETTRICI, COME FUNZIONANO?

      I forni elettrici sono i più semplici, con una o due camere cottura in grado di cuocere molte pizze contemporaneamente (il numero preciso si ha in base alla grandezza della camera e al diametro delle pizze).

      Nelle parti poste in alto e in basso troviamo gli elementi riscaldanti: in questo modo il calore è uniformemente distribuito, diminuendo così i rischi di bruciature localizzate.

      Attraverso gli appositi comandi è possibile regolarne la temperatura e le funzioni, un sensore segnala inoltre quando la temperatura desiderata è stata raggiunta.

      Come si suddividono i forni elettrici?

      Forno elettrico con 1 camera di cottura, i comandi possono essere sia digitali che meccanici, possono cucinare da 1 a 9 pizze contemporaneamente (più o meno a seconda del diametro).

      Forno elettrico con 2 camere di cottura, i comandi possono essere sia digitali che meccanici, possono cucinare da 1 + 1 a 9 + 9 pizze contemporaneamente (più o meno a seconda del diametro).

      Vantaggi dei forni elettrici:

      La loro cottura è molto più uniforme rispetto a qualsiasi altro forno ed è dotato di tutte le sicurezze per l'operatore.

      Altri fattori positivi sono le svariate funzioni di cui è integrato e il fatto di essere controllato per via elettronica. Possono essere statici, ventilati o entrambi e dotati di grill.

      A discapito di un elevato consumo di energia, abbiamo diversi vantaggi nel suo utilizzo: può raggiungere elevate temperature, semplice da usare e precisa regolazione e uniformità della temperatura.

      Se il nostro forno per la pizza sarà posizionato a vista, possiamo prendere in considerazione forni che, oltre ad essere costruiti con ottimi materiali, hanno anche un design più particolare e accattivante.

      FORNI A GAS, COME FUNZIONANO?

      Se non si hanno grandi esigenze di produzione, il forno a gas può essere un'alternativa più economica rispetto all'utilizzo di un forno elettrico. Sempre facile da pulire anche questo e con le dovute sicurezze per gli operatori.

      In questa tipologia di forno, la parte bassa viene riscaldata tramite un bruciatore e il calore viene poi distribuito attraverso l’irraggiamento e per convenzione. Spesso dotato anch’esso di grill nella parte superiore.

      Attraverso i comandi regoliamo la temperatura e le funzioni e un sensore segnalerà quando la temperatura sarà raggiunta: dopodiché, il forno, produrrà solo il calore minimo per il mantenimento della temperatura richiesta.

      Come si suddividono i forni a gas?

      Forno a gas con 1 camera di cottura, i comandi sono meccanici, possono cucinare dalle 4 alle 9 pizze contemporaneamente (a seconda della grandezza del diametro). Possono ospitare 1 o 2 teglie da 60 x 40.

      Vantaggi e svantaggi del forno a gas:

      In questi forni è più difficile regolarne precisamente la temperatura e avere un’uniformità di calore al suo interno, però, hanno come vantaggi un risparmio di consumo e la semplicità di utilizzo.

      FORNI A LEGNA, COME FUNZIONANO?

      L'utilizzo del forno a legna resta sempre nella tradizione per la cottura della pizza. Usare legna adatta che produca fumi e odori è essenziale per la buona riuscita della pizza, inoltre anche solo grazie al bravo pizzaiolo si ha la riuscita di una pizza impeccabile!

      Tutti hanno in comune l’avere il “cielo” (la volta, parte superiore) e la “terra” (parte sotto) in pietra refrattaria e ne esistono di diverse forme e misure.

      Prima di poter essere utilizzato, il fuoco deve ardere al suo interno per un determinato periodo di tempo, in modo da preriscaldarlo dovutamente.

      Per sapere se si è raggiunta la giusta temperatura ci sono i relativi termometri che la misurano e ci avvisano. Inoltre è possibile fare un primo controllo anche guardando il calore del “cielo”: se è tutto bianco dovrebbe esser pronto ad una prima infornata.

      Quali tipi di forno a legna abbiamo?

      Forno a legna tradizionale, riscaldato a legna con piano fisso in pietra refrattaria.

      Forno a legna tradizionale con piano rotativo, riscaldato a legna ma con la praticità di avere il piano girevole, in modo da agevolare il lavoro del pizzaiolo durante la cottura delle pizze.

      Forno combinato a legna e a gas, alla tradizionalità della cottura a legna, si unisce l’utilità del gas.

      Forno combinato a legna e a gas con piano rotativo, si aggiunge anche la praticità del piano rotativo.

      Quante pizze riesco a cuocere in un forno a legna? Come scelgo le dimensioni del forno?

      I forni a legna riescono a cuocere da un minimo di 4 pizze a massimo di 12/14 pizze.

      Durante la scelta del nostro forno è sempre bene avere presente diversi fattori: lo spazio che abbiamo, il flusso di clienti che avremo, quante pizze e in quanto tempo nei giorni e orari di punta. Inoltre è bene valutare sia il caso di comprarlo già montato e da assemblare: se abbiamo il passaggio e lo spazio sufficiente è possibile comprarlo già montato, altrimenti dovremo affidarci a tecnici specializzati per il montaggio, poiché questa fase include passaggi molto delicati.

      FORNI A TUNNEL, COME FUNZIONANO?

      Negli ultimi anni a velocizzare il lavoro degli operatori di questo settore, sono gli innovatissimi forni a tunnel: si riesce a raggiungere dei buoni risultati del prodotto, con un minor tempo di produzione.

      Sono caratterizzati dall'avere un nastro che attraversa il forno in cui la pizza cuoce, sono facilmente gestibili anche da un solo operatore poco esperto, silenziosi, facili da pulire e non necessitano dei soliti attrezzi da pizzaiolo come le pale o altri oggetti per infornare. Inoltre non hanno quasi mai dimensioni troppo eccessive. Non disperdendo il calore all'esterno riescono a raggiungere alte temperature in brevi tempi.

      La pizza, in pratica, si fa da sola! È sufficiente programmare la temperatura e la velocità del nastro.

      Ne esistono di tutti i modelli, dai meno grandi per i piccoli produttori ai più grandi per un lavoro di tipo industriale.

    • DATI TECNICI                                           

      Forno a legna tradizionale

      Piano monoblocco rotante

      diametro piano 130 cm

      Cavalletto incluso

      Spessore calotte 8/10 cm

      Isolamento di base 10/15 cm

      Isolamento calotta in lana di roccia

      Altezza bocca forno da terra 120 cm

      Distanza piano cottura cielo 42 cm

      Bocca forno 60 x 27

      Spessore piano 7 cm

      Capacità 10/12 pizze

      Dimensioni cm L215 X P180 X H190

      Canna fumaria diametro 200

      Temperatura uscita fumi 300°

      Carenatura esterna in lamiera preverniciata rossa

      Forno Premontato ossia pronto all’uso, acquistato già montato ; per questa soluzione si deve considerare una porta d'accesso presso il locale di destinazione che varia a seconda del modello da un minimo di 190 ad un massimo di 220 cm.

    • Richiedi informazioni sul prodotto

      Telefona al numero 0409673073 o su whatsapp 3201530130

    Scrivi una recensione

    FORNO A LEGNA ROTANTE - CAPACITA' 10/12 PIZZE - DIMENSIONI CM L 215 X P 180 X H 190 - CAVALLETTO INCLUSO - PIANO ROTANTE MONOBLOCCO VOLTO A CUPOLA - DIAMETRO 130 CM - SPESSORE 7 CM - CARENATURA ESTERNA IN LAMIERA PREVERNICIATA ROSSA

    FORNO A LEGNA ROTANTE - CAPACITA' 10/12 PIZZE - DIMENSIONI CM L 215 X P 180 X H 190 - CAVALLETTO INCLUSO - PIANO ROTANTE MONOBLOCCO VOLTO A CUPOLA - DIAMETRO 130 CM - SPESSORE 7 CM - CARENATURA ESTERNA IN LAMIERA PREVERNICIATA ROSSA

    FORNO ROTANTE A LEGNA

    Forno rotante a legna. Piano di cottura diametro cm 130 monoblocco rotante, funzionamento a legna, predisposizione per il bruciatore di gas, bocca singola, legnaia e scarico cenere a sinistra a destra o frontale, distribuzione del calore omogenea, potenzialità produttiva che può superare le 160 pizze / ora e le 400 pizze cotte consecutivamente (dati rilevati in pizzeria). Ottimo per grandi locali o per pizzerie con lavoro concentrato in poche ore, con l’esigenza di mantenere la tradizionalità della cottura a legna e la volontà di dare alla propria clientela un prodotto sempre perfetto, risparmiando tempo e fatica.  Sono rigorosamente progettati e prodotti in Italia e sono certificati CE.  sono montati e funzionanti in 24 ore, quindi possono essere installati nel giorno di chiusura. Il forno è operativo in soli 15-20 minuti, poiché grazie allo speciale isolamento mantiene quasi inalterata la temperatura della sera precedente. Il perfetto isolamento consente inoltre di mantenere costante la temperatura d'esercizio ottimale, con un conseguente significativo risparmio energetico. Esternamente la temperatura del forno è uguale a quella dell'ambiente: il forno può quindi essere rivestito con una parete in cartongesso che consente di armonizzarne l'estetica con l'arredo del locale.

    QUADRO SPECIAL

    Acceso/spento. regolazione della velocità tramite potenziometro. Inversione del senso di rotazione . ciclo di cottura temporizzato con avvisatore acustico e rallentamento automatico. rilevamento elettronico della temperatura. 



    Consigli

    Se si ha intenzione di preparare pizze, sarà necessario acquistare un forno per pizze: ne esistono di molti tipi, venendo incontro alle esigenze di tutti.

    Quale forno usare in pizzeria?

    Per poter rispondere a questa domanda dobbiamo analizzare nel dettaglio i vari tipi di forno che ci sono.

    FORNI ELETTRICI, COME FUNZIONANO?

    I forni elettrici sono i più semplici, con una o due camere cottura in grado di cuocere molte pizze contemporaneamente (il numero preciso si ha in base alla grandezza della camera e al diametro delle pizze).

    Nelle parti poste in alto e in basso troviamo gli elementi riscaldanti: in questo modo il calore è uniformemente distribuito, diminuendo così i rischi di bruciature localizzate.

    Attraverso gli appositi comandi è possibile regolarne la temperatura e le funzioni, un sensore segnala inoltre quando la temperatura desiderata è stata raggiunta.

    Come si suddividono i forni elettrici?

    Forno elettrico con 1 camera di cottura, i comandi possono essere sia digitali che meccanici, possono cucinare da 1 a 9 pizze contemporaneamente (più o meno a seconda del diametro).

    Forno elettrico con 2 camere di cottura, i comandi possono essere sia digitali che meccanici, possono cucinare da 1 + 1 a 9 + 9 pizze contemporaneamente (più o meno a seconda del diametro).

    Vantaggi dei forni elettrici:

    La loro cottura è molto più uniforme rispetto a qualsiasi altro forno ed è dotato di tutte le sicurezze per l'operatore.

    Altri fattori positivi sono le svariate funzioni di cui è integrato e il fatto di essere controllato per via elettronica. Possono essere statici, ventilati o entrambi e dotati di grill.

    A discapito di un elevato consumo di energia, abbiamo diversi vantaggi nel suo utilizzo: può raggiungere elevate temperature, semplice da usare e precisa regolazione e uniformità della temperatura.

    Se il nostro forno per la pizza sarà posizionato a vista, possiamo prendere in considerazione forni che, oltre ad essere costruiti con ottimi materiali, hanno anche un design più particolare e accattivante.

    FORNI A GAS, COME FUNZIONANO?

    Se non si hanno grandi esigenze di produzione, il forno a gas può essere un'alternativa più economica rispetto all'utilizzo di un forno elettrico. Sempre facile da pulire anche questo e con le dovute sicurezze per gli operatori.

    In questa tipologia di forno, la parte bassa viene riscaldata tramite un bruciatore e il calore viene poi distribuito attraverso l’irraggiamento e per convenzione. Spesso dotato anch’esso di grill nella parte superiore.

    Attraverso i comandi regoliamo la temperatura e le funzioni e un sensore segnalerà quando la temperatura sarà raggiunta: dopodiché, il forno, produrrà solo il calore minimo per il mantenimento della temperatura richiesta.

    Come si suddividono i forni a gas?

    Forno a gas con 1 camera di cottura, i comandi sono meccanici, possono cucinare dalle 4 alle 9 pizze contemporaneamente (a seconda della grandezza del diametro). Possono ospitare 1 o 2 teglie da 60 x 40.

    Vantaggi e svantaggi del forno a gas:

    In questi forni è più difficile regolarne precisamente la temperatura e avere un’uniformità di calore al suo interno, però, hanno come vantaggi un risparmio di consumo e la semplicità di utilizzo.

    FORNI A LEGNA, COME FUNZIONANO?

    L'utilizzo del forno a legna resta sempre nella tradizione per la cottura della pizza. Usare legna adatta che produca fumi e odori è essenziale per la buona riuscita della pizza, inoltre anche solo grazie al bravo pizzaiolo si ha la riuscita di una pizza impeccabile!

    Tutti hanno in comune l’avere il “cielo” (la volta, parte superiore) e la “terra” (parte sotto) in pietra refrattaria e ne esistono di diverse forme e misure.

    Prima di poter essere utilizzato, il fuoco deve ardere al suo interno per un determinato periodo di tempo, in modo da preriscaldarlo dovutamente.

    Per sapere se si è raggiunta la giusta temperatura ci sono i relativi termometri che la misurano e ci avvisano. Inoltre è possibile fare un primo controllo anche guardando il calore del “cielo”: se è tutto bianco dovrebbe esser pronto ad una prima infornata.

    Quali tipi di forno a legna abbiamo?

    Forno a legna tradizionale, riscaldato a legna con piano fisso in pietra refrattaria.

    Forno a legna tradizionale con piano rotativo, riscaldato a legna ma con la praticità di avere il piano girevole, in modo da agevolare il lavoro del pizzaiolo durante la cottura delle pizze.

    Forno combinato a legna e a gas, alla tradizionalità della cottura a legna, si unisce l’utilità del gas.

    Forno combinato a legna e a gas con piano rotativo, si aggiunge anche la praticità del piano rotativo.

    Quante pizze riesco a cuocere in un forno a legna? Come scelgo le dimensioni del forno?

    I forni a legna riescono a cuocere da un minimo di 4 pizze a massimo di 12/14 pizze.

    Durante la scelta del nostro forno è sempre bene avere presente diversi fattori: lo spazio che abbiamo, il flusso di clienti che avremo, quante pizze e in quanto tempo nei giorni e orari di punta. Inoltre è bene valutare sia il caso di comprarlo già montato e da assemblare: se abbiamo il passaggio e lo spazio sufficiente è possibile comprarlo già montato, altrimenti dovremo affidarci a tecnici specializzati per il montaggio, poiché questa fase include passaggi molto delicati.

    FORNI A TUNNEL, COME FUNZIONANO?

    Negli ultimi anni a velocizzare il lavoro degli operatori di questo settore, sono gli innovatissimi forni a tunnel: si riesce a raggiungere dei buoni risultati del prodotto, con un minor tempo di produzione.

    Sono caratterizzati dall'avere un nastro che attraversa il forno in cui la pizza cuoce, sono facilmente gestibili anche da un solo operatore poco esperto, silenziosi, facili da pulire e non necessitano dei soliti attrezzi da pizzaiolo come le pale o altri oggetti per infornare. Inoltre non hanno quasi mai dimensioni troppo eccessive. Non disperdendo il calore all'esterno riescono a raggiungere alte temperature in brevi tempi.

    La pizza, in pratica, si fa da sola! È sufficiente programmare la temperatura e la velocità del nastro.

    Ne esistono di tutti i modelli, dai meno grandi per i piccoli produttori ai più grandi per un lavoro di tipo industriale.

    Scrivi una recensione

    Seguici su: